Praticante universitaria/ Praticante universitario per la Comunicazione DFF

Praktikum Abgelaufen Bern Student
Dieses Inserat ist leider ausgelaufen
Aber es warten noch tausend andere spannende Inserate auf Dich.
Neu suche starten

La divisione Comunicazione del Dipartimento federale delle finanze (DFF) è responsabile della comunicazione interna ed esterna del dipartimento.

Mansioni

  • Supportare il team Comunicazione nelle attività legate alla comunicazione interna, esterna e su vari canali
  • Occuparsi della rassegna stampa e seguire lo sviluppo dei media
  • Offrire supporto nell’elaborazione di piani e analisi
  • Redigere testi complessi; contribuire a gestire la presenza del DFF su Internet e Intranet
  • Svolgere attività amministrative

Requisiti

  • Formazione universitaria (bachelor o master) in scienze della comunicazione
  • Eccellenti competenze comunicative orali e scritte
  • Grande flessibilità, resistenza psicofisica e creatività; talento organizzativo
  • Conoscenze attive di una seconda lingua ufficiale e dell’inglese
  • Dimestichezza con le tematiche politiche e conoscenze delle procedure e dei processi inerenti a tale ambito

Informazioni complementari

Per ulteriori informazioni è a disposizione:
Signora Nadia Batzig, capo sostituto della divisione Comunicazione DFF, tel. 058 463 11 29

Eventuali candidature postali devono essere spedite a:
CPS Pers DFF, Eigerstrasse 71, 3003 Berna

Inizio dell’impiego: 1° dicembre 2019 o in data da convenire

La durata del praticantato è limitata a 1 anno

Diploma universitario (bachelor o master) conseguito negli ultimi 12 mesi o di imminente conseguimento Numero di riferimento: 600-39428

Il datore di lavoro

La Segreteria generale del DFF (SG-DFF) è l’organo di Stato maggiore centrale del Dipartimento e comprende i settori principali Stato maggiore, Comunicazione, Servizio giuridico e l’ambito della delegata al plurilinguismo della Confederazione.

L’Amministrazione federale è attenta ai diversi vissuti dei suoi collaboratori e ne apprezza la diversità. La parità di trattamento gode quindi della massima priorità.

Am 31.08.2019 veröffentlicht. Originalanzeige